ICOLIM 2011 – La sicurezza innanzi tutto!

Quando, all'inizio di giugno 2008 le luci dei riflettori sulla città polacca di Torun e sulla 9o edizione dell’ICOLIM si sono spente, l’attenzione degli esperti europei nel campo dello sviluppo e dell’impiego delle tecnologie del lavoro sotto tensione, affiliati alla Live Work Association (LWA) e provenienti da Germania, Francia, Italia, Spagna, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Ungheria e Polonia, s’è rivolta alla Croazia, a Zagabria ed all’ICOLIM 2011.

La 10° edizione della Conferenza internazionale sul lavoro sotto tensione (ICOLIM), che si terrà dal 31 maggio al 2 giugno a Zagabria, capitale della Croazia,sarà organizzata dalla Hrvatska elektroprivreda (HEP) sotto il patrocinio del Ministero dell'Economia, del Lavoro e dell'Imprenditoria, ossia dall’Azienda elettroenergetica nazionale croata che, come le altre aziende del settore, dispone di un centro di formazione professionale che ha il compito di educare il proprio personale all’impiego delle tecnologie del lavoro sotto tensione.

La Croazia, e quindi la HEP, è il più giovane membro dell’Associazione internazionale per il lavoro sotto tensione (LWA) le cui conferenze, che dal 1992 avevano scadenza biennale, dal 2008 hanno scadenza triennale.

I lavori per l’ICOLIM 2011, dedicati alle novità nel campo dello sviluppo, dell’impiego e nel monitoraggio del lavoro elettrico sotto tensione, saranno focalizzati sulla sicurezza degli operatori, degli impianti e del sistema d’approvvigionamento elettrico degli utenti.

Alla mostra, organizzata in occasione della conferenza, saranno illustrati i macchinari, l’attrezzatura e gli strumenti più moderni impiegati nel lavoro sotto tensione. È prevista anche una dimostrazione del lavoro sotto tensione presso la Stazione di trasformazione elettrica 400/220/110 kV Žerjavinec, ubicata nei dintorni di Zagabria.